Le tipologie di degustazione del vino

Avrete sicuramente sentito parlare di degustazione verticale, orizzontale, diagonale o bendata. 

Cosa distingue una dall’altra queste degustazioni e perché vengono fatte?

La degustazione bendata
Anche nota come degustazione alla cieca: i vini vengono coperti e l’assaggio viene fatto senza conoscere il prodotto. In questo modo l’assaggio non verrà influenzato dall’etichetta e dalle informazioni che verranno valutate più oggettivamente possibile le caratteristiche organolettiche di quel vino.

Nella degustazione verticale
Si procede con l’assaggio di vini dello stesso produttore e dello stesso vitigno ma di annate differenti. La finalità della degustazione verticale potrebbe anche essere la determinazione della migliore annata, tuttavia è bene ricordare che non ha molto senso confrontare due vini la cui età differisce di molti anni poiché le loro qualità organolettiche saranno evidentemente diverse, se non distanti. La finalità della degustazione verticale è essenzialmente lo studio delle potenzialità di sviluppo nel tempo e l'affidabilità qualitativa.

La degustazione orizzontale
Coinvolge vini dello stesso anno e della stessa zona o tipologia ma di produttori differenti. La finalità di una degustazione orizzontale può essere sia la scelta del migliore produttore sia lo studio delle qualità enologiche di ogni singola cantina, lo stile aziendale e l'interpretazione dell'uva e del territorio in cui il produttore opera.

Scopri tutti CORSI DI DEGUSTAZIONE di losaicheilvino.it

Corso di degustazione del vino

Dal vivo o in streaming on line, 3 validi motivi per non rimandare

1 Location comode ed un clima rilassato per apprendere divertendosi;
Lezioni serali condotte da un sommelier professionista;
3 Vini appositamente selezionati per la supportare i concetti illustrati.

Proseguiamo..

La degustazione diagonale

Vengono messi a confronto vini della stessa categoria ma di annate e produttori diversi. Non offre opportunità comparative di studio con l'eccezione della valutazione di ogni singolo vino.

La degustazione varietale
Propone vini prodotti dallo stesso vitigno in purezza ma provenienti da zone diverse. Consente di studiare le differenze di uno stesso vitigno in relazione al territorio e al tipo di suolo.

La degustazione territoriale
infine questo tipo di degustazione, compara vini della stessa zona ed ha come finalità lo studio delle caratteristiche di un territorio e dell'influsso nei suoi vini.

Tutte queste degustazioni possono avere uno scopo di apprendimento o di riconoscimento.

Related Posts

Perché si chiama Vin Santo
Perché si chiama Vin Santo
Il Vin Santo, famoso vino toscano che si accompagna ai cantucci, è un vino dolce e alcolico ottenuto da uve passite. ...
Read More
Tipi di tappo
Tipi di tappo
In Italia siamo abituati al sughero ma esistono molti tipi di tappo adatti al vino, vediamo quali sono i più comuni. ...
Read More
Guida alla scelta, all'utilizzo e al lavaggio dei calici da vino
Guida alla scelta, all'utilizzo e al lavaggio dei calici da vino
Ogni vino ha caratteristiche differenti e necessita di un bicchiere adatto per esaltarne gli aspetti visivi ed olfatt...
Read More
Strumenti per il servizio del vino
Strumenti per il servizio del vino
Il più importante di tutti gli strumenti del servizio è indubbiamente il cavatappi     Il cavatappi è lo strumento c...
Read More
Cosa distingue il metodo classico dal metodo Martinotti?
Cosa distingue il metodo classico dal metodo Martinotti?
Lo spumante, insieme ai vini fortificati e ai vini aromatizzati, è un vino speciale a cui per legge è consentita l’ag...
Read More

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima della pubblicazione